Girelle alla crema di nocciole

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nonostante le festività siano ormai lontane, la mia dispensa profuma ancora di festa:cioccolatini, panettone , biscottini e crema di nocciole, ciò che rimane di un cesto natalizio. Così ogni volta che apro  l’antina la crema di nocciole mi chiama….mangiami, mangiami…

Ho deciso …
facciamola finita …
eh si….
adesso ti trovo io una bella fine….
E così la crema è finita in queste super girelle golosissime che hanno fatto felici i miei nipotini a merenda.
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA
INGREDIENTI
400 g di farina Manitoba
6      g lievito di birra secco
170  g latte a temperatura ambiente
100  g burro morbido
3 uova
50    g zucchero
Crema alla nocciola
Per guarnire
Granella di zucchero
Sciogliere il lievito nel latte e aggiungere due cucchiai di farina, lasciare riposare mezz’ora.
Mescolare la restante farina con lo zucchero, aggiungere il lievitino le uova e amalgamare bene.
Quando le uova saranno incorporate aggiungere il burro, poco alla volta, coprire e lasciare lievitare un’ora.
Riprendere l’impasto e stenderlo in un rettangolo spesso un cm, spalmare la crema e arrotolarlo dalla parte lunga, tagliare a rondelle di 4 cm circa e adagiarle in una tortiera per muffin, spolverare con lo zucchero in granella, coprire e lasciare lievitare ancora un’ora e mezza. Cuocere a 180* per 15/16 minuti.
 OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA
Annunci

Roscon de Reyes… Corona dei Re Magi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
È uno dei dolci più antichi delle feste natalizie spagnole. E’ il dolce che si prepara in occasione del 6 Gennaio per l’arrivo dei Re Magi,nell’antichità all’interno del dolce veniva nascosto un piccolo legume , oggi all’interno viene messo un piccolo giochino e distribuito ai bambini, chi lo trova viene eletto il re della festa per quel giorno.
Il dolce viene presentato spolverato di zucchero e decorato con la frutta secca, o farcito come nel mio caso di panna zuccherata.
Un dolce semplice, soffice che piacee a tutti!
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA
INGREDIENTI
Per il lievitino
70 g di latte a temperatura ambiente
4. g lievito di birra secco
130 g farina forte
1 cucchiaino di zucchero
120 g zucchero
79 g latte a temperatura ambiente
2 uova
4 g lievito di birra secco
450 g farina forte
70 g burro a temperatura ambiente
un pizzico di sale
scorza di limone grattugiata
Un cucchiaio di rum
PREPARAZIONE
Preparare il lievitino e lasciarlo riposare coperto al caldo per mezz’ora.
Nella planetaria insieme alla farina aggiungere lo zucchero, il lievito la scorza e il latte.
Incorporare il lievitino e mescolare bene, aggiungere un uovo alla volta il pizzico di sale, il rum e il burro poco per volta. Incordare bene fino a quando la pasta si stacca dalle pareti, coprirla e lasciarla lievitare un’ora.
Riprendere la pasta e dividerla in palline, disporle in una tortiera, circa 6/7 dipende dalla tortiera, con questo impasto ho fatto due corone, farle lievitare ancora per un’ora, dopodiché cuocere a 190* per 20/25 minuti, decorare con zucchero a velo e farcire a piacere con panna montata zuccherata.OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Margherite speziate alla zucca

Oggi la ricettina che vi propongo è un paninetto/fiore delicatamente profumato e dalla forma carinissima, una ricetta di #Carine  CouriolOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Siamo ancora in periodo”ZUCCA” e non potevo resistere a questi paninetti a forma di fiore con questo ingrediente. Sono molto facili da preparare e aromatizzati delicatamente dalle  spezie sono ottimi per accompagnare un tè in queste giornate  autunnali.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

INGREDIENTI
Purea di zucca
1/2 zucca ( piccola)
2 cucchiai di zucchero di canna
1 cucchiaino di cannella
1/2 cucchiaino di noce moscata
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
scorza d’arancia
Sbucciare e tagliare la zucca in piccoli pezzi. Metterla in una casseruola con lo zucchero e le spezie, aggiungere 1/2 bicchiere d’acqua e lasciare cuocere finchè diventa tenera.
Quando cotta passarla al mixer e tenerla da parte al fresco.

Brioche
300 g farina00 w260
150 g di purea di zucca con spezie
70 g di latte
50 g di zucchero di canna
1 uovo
4 g di lievito di birra secco
1/2 cucchiaino di sale
30 g di burro

Mettere nella planetaria la purea di zucca, il latte, lo zucchero l’uovo e il lievito e mescolare per due minuti, aggiungere la farina e il sale e lavorare l’impasto.
A questo punto aggiungere il burro diviso in piccoli pezzetti e incordare l’impasto.
Metterlo a lievitare coperto per mezz’ora, dopodichè stenderla in un rettangolo e tagliare 5 piccoli cerchi di 7 cm di diametro, piegarli in due e pinzare le due estremità per formare i petali.
Disporre i cinque petali in cerchio su una  placca ricoperta da carta forno e mettere al centro di ognuno una piccola pallina di pasta.
Fare lo stesso per gli altri, dovrebbero uscire circa 8/10 fiori, reimpastando la pasta.
Coprire e lasciare lievitare 1 ora 1 ora e 30.
Spennellare i fiori con un pò di latte e infornare a 180° per 12/13 minuti.
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pan Lizzün o pane con frutta secca

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl Pan Lizzün è un pane con la frutta secca, in italia esistono varie ricette di questo pane e ogni regione lo chiama in un modo diverso.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Questa è una ricetta, che ho estrapolato da un bilgliettino che accompagnava un pane  acquistato ad un mercatino di prodotti tipici della Brianza.

Buono e semplice ricorda davvero il dolce povero che i nostri nonni cucinavano con i pochi ingredienti a disposizione.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il bigliettino recita cosi:

E quest lè ul “Pan Lizzün 

tra insema temp indré

cun farina del pan gialt

e fruta de stagion,

cunservà e fa secà

propri per quest:

pomm, fic, nus e uga pasa

per dulzée e segulà tanta gent

del nost temp passà.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti
150g farina di segale
150g farina di mais
230 g farina 00 w 260
280 g acqua
7 g lievito di birra secco
90 g zucchero
60 g burro
1 pizzico sale
150 g fichi secchi
60 g uvetta ammollata
50 g arancia candita
80 g noci già sgusciate

-Sciogliere il lievito nell’acqua e lasciarlo a riposo una decina di minuti, quando si forma in
superficie una schiumetta è pronto da usare, mescolate le tre farine e aggiungete il lievito.
-A questo punto mettete lo zucchero e di seguito il burro ammorbidito, per ultimo aggiungete il sale, lavorate ed incorporate bene gli ingredienti.
-Spezzettate le noci e i fichi grossolanamente e aggiungeteli all’impasto, aggiungete anche i canditi e le uvette precedentemente ammollate e se usate la planetaria incorporatele delicatamente.
-L’impasto a questo punto ha bisogno di riposare mezz’ora, dopodiché va ripreso e per una
migliore lievitazione bisogna fare un giro di pieghe, cioè semplicemente ripiegarlo su se stesso come un pacchetto, fatelo riposare ancora mezz’ora e ripetete l’operazione delle pieghe.
-A questo punto formare dei piccoli pani, adagiarli su una placca da forno distanziandoli, spolverarli con un po’ di farina e lasciarli lievitare coperti ancora per un’ora in un posto tiepido.
Infornare a 190 * per 30 minuti.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

BRIOCHE arrotolata alla zucca con gocce di cioccolato miele e cannella per il contest di Ottobre di #seiincucina

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA
BRIOCHE ARROTOLATA ALLA ZUCCA CON GOCCE DI CIOCCOLATO, CANNELLA E MIELE
L’autunno ormai ha fatto la sua entrata, il freddo è arrivato, le foglie degli alberi hanno preso il classico colore rossastro e con il primo freddo viene voglia di coccolarsi  con  una tazza di tè fumante e una fetta di questa BRIOCHE che oggi vi presento.
La ricetta è una rivisitazione della torta di rose con l’aggiunta nell’impasto della zucca, con questa ricetta partecipo al contest di #seiincucina del mese di ottobre.
La zucca come dicevo, è la regina della ricetta, che in questa BRIOCHE incontra le gocce di
cioccolato, il miele e la cannella per un connubio dal sapore autunnale.
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA 

INGREDIENTI
500 g di farina 00 w260
50. g latte
2 uova
50 g zucchero
7 g lievito secco
12 g sale
100 g burro morbido
200 g zucca cotta al forno
Per la FARCITURA
20 g burro sciolto
50 gocce di cioccolato
2 cucchiai di miele
2 cucchiaini di cannella in polvere
1 uovo
Mettiamo nella planetaria la farina il latte le uova e il lievito, azioniamo il gancio e aggiungiamo la zucca schiacciata precedentemente, a metà impasto aggiungiamo lo zucchero il sale e per ultimo il burro ammorbidito, mescoliamo fino ad ottenere un impasto che si stacchi dai bordi e risulti elastico e ben incordato.
Copriamo e lasciamo riposare per mezz’ora. Dopo il riposto stendere la pasta in un rettangolo, spennellarlo con il burro fuso, cospargerlo con le gocce di cioccolato il miele e la cannella, arrotolare su se stessa dalla parte della lunghezza, tagliare dei pezzi da 5/6 cm e adagiarli in una tortiera precedentemente imburrata o coperta con carta forno, non troppo vicini fra di loro.
Lasciare lievitare fino al raddoppio, spennellare con l’uovo leggermente sbattuto e infornare a
180/190 per 20/25 minuti fino a doratura.

Focaccia all’uva fragola… Benvenuto settembre

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Benvenuto Settembre
La focaccia all’uva di oggi è una focaccia di pasta lievitata con un impasto non troppo dolce che viene arricchita con frutta zuccherina, in questo caso io ho usato l’uva fragola detta anche uva americana.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
L’ uva che ho usato per questa focaccia viene direttamente dal pergolato che c’è a casa di mia mamma, che, in questi giorni di maturazione, invade con il suo profumo tutto il cortile.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
L’uva fragola è una varietà dai chicchi piccoli e viola scuro con un profumo e sapore molto intenso che si avvicina alla fragola di bosco, e quando l’assaggi ti ritrovi la polpa quasi viscida e dolce mentre la buccia è leggermente acida… Buonissima
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Ecco la mia ricetta:
INGREDIENTI
500 g di farina 00
220 g di latte a temperatura ambiente
5 g di lievito di birra disidratato
1 uovo
70 g zucchero
45 g burro
Un pizzico di sale
400 g uva fragola
Burro
Zucchero
Sciogliere il lievito nel latte a temperatura ambiente, dopo qualche minuto aggiungerlo poco alla volta alla farina nella ciotola dell’impastatrice e azionare il gancio.
Aggiungere lo zucchero, l’uovo e mescolare, quando l’uovo è stato assorbito aggiungere il sale e il burro precedentemente sciolto e raffreddato, amalgamare bene finché non risulta liscio, coprire e lasciare riposare mezz’ora.
Riprendere l’impasto e dividerlo a metà, stenderne una parte non troppo sottile, su carta da forno dandogli la forma desiderata, lavare e asciugare l’uva e disporla sulla superficie della focaccia, stendere l’altra parte e adagiarla sopra, procedere con l’uva come prima schiacciandola leggermente sulla superficie.
Spennellare con il burro sciolto la superficie e spolverarla con lo zucchero, infornare a 170*per 25/30 minuti.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

FOCACCIA alle CILIEGIE

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In un tempo assai lontano
tanto che pensare sembra strano
un mago fece un grande sortilegio…
E che inventò?
L’albero di ciliegio.
Ci passò sotto il resto dei suoi giorni
raccontando di fate e di unicorni
e le ciliegie a forza di ascoltare
crescevano più buone da mangiare.
Una sera il mago alzò lo sguardo
e dichiarò di essere un vegliardo
ma prima di lasciare questo mondo
fece un ultimo sforzo assai fecondo
” Crescete frutti belli, sempre in coppia,
ognuna non sia mai sola ma sia doppia!
Si sa che una ciliegia tira l’altra…
come una storia ingenua e una scaltra.
MELA CECCHI
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Vicino a casa nostra quando ero piccola abitava una vecchia signora che aveva nel suo giardino un ciliegio, e quando i frutti maturavano, noi bambini passavamo i pomeriggi in quel giardino giocando e ammirando i frutti.
L’albero era molto grande, o almeno a noi pareva così, e quindi ci era vietato salire, così
aspettavamo che qualche adulto salisse e le raccogliesse per noi, quando infine ci accontentavano per noi era festa.
Allora ci si sedeva sotto all’albero gustando le ciliegie in silenzio.
Tornati a casa poi i nostri genitori si accorgevano delle nostre scorpacciate, c’era sempre qualche traccia rossastra sui nostri vestiti o sulla bocca.
Ora quell’albero non c’è più… I ricordi però tornano ogni volta che vedo sul banco del fruttivendolo le ciliegie.
INGREDIENTI
350 g farina W 260
3 g lievito di birra secco
180 g latte
70 g zucchero
35 g burro
2 tuorli
2 cucchiaini di miele
1 cucchiaino di sale
PER GUARNIRE
200 g ciliegie
Una noce di burro
20 g zucchero
PREPARAZIONE
Sciogliere il lievito nel latte con il miele, mescolare,quando compare una leggera schiuma è pronto.
Nella planetaria mettere la farina azionare il gancio e introdurre il lievito sciolto nel latte.
Amalgamare bene, aggiungere di seguito lo zucchero le uova e lavorarlo per dieci minuti.
Infine aggiungere il sale e il burro ammorbidito, continuare a lavorare l’ impasto finché non risulta
liscio e omogeneo.
Coprire e lasciare lievitare almeno 3 ore.
Nel frattempo snocciolare le ciliegie, riprendere l’impasto e stenderlo con le mani, adagiarlo in una
teglia di cm 25 imburrata, mettere le ciliegie sulla pasta schiacciandole un poco.
Coprire e lasciare lievitare un’altra ora.
Riprendere la teglia e spennellare l’impasto con il burro sciolto, cospargere con lo zucchero e
infornare a 170* per 25/30 minuti
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA